background

PLUMCAKE INTEGRALE ALLE MELE RENETTE E MARMELLATA DI MIRTILLI

Credevate fossi sparita eh...invece eccomi di nuovo qua, spappolata dalla partenza di una decina di corsi in un mese, ma ancora con qualche energia per cucinare e postarvi una ricetta FA-VO-LO-SA!

 

Sono stata ispirata da una ricetta di muffins cucinati da FRANCESCA RUBERTONE, uno dei nostri chef dei corsi cucina, e ho partorito una mia personalissima versione creando un PLUMCAKE formato famigliare.

Ho sostituito le pere con le mele renette, che io adoro nei dolci per il loro gusto "bruschino", e i mirtilli surgelati con la marmellata di mirtilli che ho fatto ad agosto, qualche piccola variazione nella farina e nei dolcificanti...e il gioco è fatto!

Ma veniamo subito alla ricetta!


INGREDIENTI

Solidi: 

400 gr di farina di grani antichi di Andrea Cenacchi di Argelato

60 gr di mandorle tritate

1,5 cucchiaini di bicarbonato di sodio

1 cucchiaino di lievito vanigliato per dolci bio (cremor tartaro Baule Volante)

1 pizzico di sale marino integrale

1 pizzico di vaniglia bourbon bio in polvere (quella vera!)

Liquidi:

500 ml di latte di soia bio

100 gr di malto d'orzo bio

80 gr di zucchero di canna integrale

150 ml di olio BIOFRITTO (girasole alto oleico e semi di sesamo)

Ripieno: 

il succo di mezzo limone

2 mele renette

 

PREPARAZIONE: 

Portate il forno a 180 ° ventilato (160° chi ha il forno che scalda più del dichiarato)

In una ciotola mescolate insieme gli ingredienti solidi, in un'altra ciotola mescolate gli ingredienti liquidi, poi uniteli insieme, solidi e liquidi e amalgamate.

Prendete uno stampo da pane in cassetta e foderatelo con carta da forno.

Pelate e tagliate a cubetti le mele renette e bagnatele con il succo di limone per non farle annerire.

Mettete metà del composto nello stampo foderato, aggiungete metà cubetti di mela e tre cucchiaiate di marmellata di mirtilli sparsa nella superficie del composto versato, versate il restante composto e mettere in superficie i rimanenti cubetti di mela e le tre cucchiaiate di marmellata di mirtilli.

Infornate lo stampo e cuocere per 20 minuti a 180 ° ventilato, poi abbassate a 150 ° statico e lasciate cuocere per altri 20 minuti, fate la prova stuzzica-dente e se esce secco, potete sfornare il plumcake. 

Volendo al posto di un unico plumcake, si possono fare tanti piccoli muffins. Ai miei bimbi è piaciuto molto, e anche a noi grandi!!

A me è venuto molto scuro l'impasto perchè , oltre alla farina integrale ho messo il malto d'orzo che è scuro, ma se volete mettere sciroppo di riso, o malto di mais, o succo d'agave, verrà sicuramente più chiaro.

Attenzione alle marmellate, cercate di prendere quelle bio senza pectina e con una bassa percentuale di zucchero di canna, se sono troppo dolci e gelatinose, contengono molta poca frutta e molta pectina e zucchero! Ma se avete un pò di tempo a fine agosto, la marmellata di mirtilli, FATEVELA IN CASA!! Io sono andata a Sestola, in montagna a prendere i mirtilli freschi dell'Appennino Emiliano e ho aggiunto pochissimo zucchero di canna integrale, ma per la ricetta...dovrete aspettare il prossimo anno!

A proposito di mele e di mirtilli, vediamo quali sono le loro caratteristiche energetiche e l'effetto sul nostro corpo.

MELE:  di natura fresca, sapore acido-aspro o dolce, organi destinatari: polmone, stomaco, milza.  seda la sete, purifica il calore, umidifica il polmone, regola l'intestino, facilita la digestione, esercita un'azione sedativa, promuove la diuresi, dissolve i calcoli di urati e abbassa il colesterolo. Quindi va bene in caso di : sete, bocca asciutta, diabete, difficoltà digestive, inappetenza, dolore allo stomaco da eccesso di calore, tosse secca o con catarro denso e giallastro, diarrea, dolori reumatici, minzione scarsa, calcoli renali da urati, insonnia, nervosismo e abuso di alcolici. Se consumata cotta, promuove la secrezione dei liquidi e combatte la stipsi da secchezza.  

MIRTILLI: natura neutra, sapore acido-aspro, dolce, possiede effetto astringente, rischiara la vista, arresta i sanguinamenti (emostatico). E' indicato nella diarrea, disturbi visivi, tutti i sanguinamenti profusi, meno-metrorragia, emorroidi. 

Questa ricetta si presta a molte variazioni sul tema: marmellate diverse, frutta diversa, farina, dolcificanti, il latte di soia si potrebbe sostituire con quello di riso o di avena...Insomma ci si può sbizzarrire, se fate qualche versione alternativa, fatemi sapere come viene nei commenti!!!

Alla prossima!

 


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2017  www.tuinatura.it   globbers template joomla